Home / Articoli / Massaggi per dimagrire: come funzionano







Spesso associamo la dieta solo con rinunce di tipo alimentare. In realtà, certi tipi di massaggi aiutano a stimolare il dimagrimento associati ad un’alimentazione sana e una vita attiva, insieme all’utilizzo eventuale di creme apposite.

Non esistono massaggi dimagranti in senso letterale, ma trattamenti estetici corpo che, grazie alla loro azione tonificante, rassodante, in grado di stimolare il metabolismo basale, aiutano l’azione di dimagrimento e diminuiscono la possibilta’ di formazione di rughe e inestetismi dovuti al calo di peso. Fame nervosa e stress sono le due principali cause dell’aumento di peso e dell’obesità e per tale motivo alcuni trattamenti, come per esempio il linfatico di cui parleremo nel paragrafo successivo, hanno proprio come scopo quello di eliminare i grassi riducendo il peso corporeo del paziente. Ma gli effetti di queste cure sono molteplici e riguardano anche l’aspetto fisico, il buon umore e il rilassamento di corpo e mente.

 

Massaggi linfodrenanti e rassodanti

 

Un primo tipo di massaggio che consente dimagrire stimolando il metabolismo la circolazione linfatica è quello linfodrenante: tra i benefici apportati ci sono l’eliminazione di fatica e stress e la riattivazione della circolazione. Per queste ragioni e’ anche da considerarsi tra i trattamenti estetici anticellulite Dal punto di vista pratico, il linfodrenante impiega movimenti circolari che partono da punta dei piedi risalendo via via la gamba. Infatti, lavorando sui linfonodi, si riattiva il passaggio della linfa e questo trattamento può portare importanti benefici sia dal punto di vista medico che estetico. E’ particolarmente indicato, anche se si è sviluppato recentemente, per chi vuole perdere chili, visto che elimina i grassi in eccesso e diminuisce sensibilmente il desiderio di fame.

 

Un altro tipo è quello rassodante, che consente di tonificare i muscoli agendo non solo sulla parte superficiale della pelle ma anche sulle fibre muscolari, migliorandone contestualmente la circolazione. Da un punto di vista tecnico serve a stimolare a la produzione di due sostanze, il collagene e l’elastina, che permettono una migliore ossigenazione delle fibre muscolari e di conseguenza un miglioramento generale del proprio tono fisico. Non da trascurare è anche l’effetto modellante del massaggio rassodante, che agendo su cosce, glutei, consente di sciogliere gli accumuli di grasso localizzati in queste zone.

 

Uno dei trattamenti più richiesti è infine massaggiare la zona addominale, per arrivare a quella famosa pancia piatta che è un dogma sia per gli uomini che per le donne. Ma questo tipo di pratica ha anche altri vantaggi, come per esempio facilitare la digestione metabolizzando nel migliore dei modi i cibi che mangiamo, liberando allo stesso tempo il corpo dalle tossine. Una pratica molto consigliata soprattutto se si fa sport, per abbinare diversi obiettivi da perseguire allo stesso tempo.